Medico VeterinarioDr. Maurizio Spremolla
 Home  |  Chi siamo  |  Cerco casa  |  Donatori sangue  |  Prestazioni  |  Utilities  |  Contatti 
       
  QUESTO MI INTERESSA
Utilities >> QUESTO MI INTERESSA >> gestazione e parto

 

GESTAZIONE E PARTO NELLA
 
CAGNA
 
 

QUANTO DURA LA GRAVIDANZA DELLA CAGNA?

 

       La gestazione della cagna dura circa 60 giorni ( da un minimo di 58 a un massimo di 65) e tende ad essere più lunga nelle cagne anziane.

Nella prima metà della gravidanza non ci sono modificazioni esteriori apprezzabili ( come l’aumento del volume della pancia o delle mammelle) ma variazioni che solo il proprietario può apprezzare come cambiamenti di abitudini, strani atteggiamenti, aumento dell’appetito, ecc…. Entrando invece nel secondo mese compariranno dei segni esteriori come l’aumento dei capezzoli, l’aumento delle dimensioni dell’addome e al termine, presenza di latte nelle mammelle.

 

QUALI ACCERTAMENTI È OPPORTUNO FARE IN GRAVIDANZA?

 

La prima visita dovrebbe essere fatta circa dopo 3-4 settimane dall’accoppiamento: in questa sede si procede ad una visita clinica ed eventualmente un’ ecografia: questo è un esame non oneroso, sicuramente innocuo per la cagna e per i feti, e ci permette di valutare la vitalità dei cuccioli.. Una eventuale radiografia può essere effettuata dalla 6 alla 7 settimana di gestazione in modo da poter contare i feti senza nuocere alla loro salute.

La conoscenza del numero dei futuri nascituri è importante sia per sapere con esattezza quando il parto è ultimato, sia per programmare con un certo anticipo il destino dei cuccioli ( ricerca di nuovi padroni o acquirenti).

COME CI SI PUO’ PREPARARE AL PARTO?

 

Circa 10 giorni prima della data prevista per il parto è opportuno preparare il posto dove vorremmo che la cagna partorisse, evitando luoghi angusti dove la cagna sarebbe difficilmente controllabile (come ad esempio cucce non scoperchiabili dall’alto o con un’entrata piccola) o luoghi troppo freddi o umidi; se la cagna dovesse vivere in appartamento sarebbe opportuno vietarle l’accesso a determinate stanze (quali camere o salotti), dove non vorremmo avvenisse il parto.

Si consiglia l’uso di grosse scatole di cartone con bordo alto 20-30cm sul cui fondo non mettere segatura (attaccandosi alle narici dei cuccioli potrebbe soffocarli), bensì fogli di giornale facilmente asportabili quando sporchi.

 

COME CI SI ACCORGE CHE LA DATA DEL PARTO E’ ORMAI VICINA?

 

E’ bene 7 giorni prima della data prevista per il parto iniziare a prendere la temperatura rettale della cagna che di norma è intorno ai 38-39.5°C: a questo scopo i termometri pediatrici sono particolarmente utili; quando la temperatura raggiunge o scende sotto i 37-37.5°C significa che entro 3 giorni il parto si dovrebbe espletare.

Nella maggior parte dei casi il giorno precedente al parto, la cagna, che ha sempre mangiato regolarmente, rifiuta il cibo.

 

COME INIZIA IL PARTO? COME FACCIO A SAPERE SE LE COSE SI STANNO SVOLGENDO REGOLARMENTE? QUANDO E’ OPPORTUNO CHIAMARE IL VETERINARIO?

 

Il parto inizia con la rottura delle acque (perdita dalla vulva di liquido viscoso talvolta verdastro) che viene seguito ENTRO 1 ORA dalla nascita del primo cucciolo: SE QUESTO NON SI DOVESSE VERIFICARE CONTTARE IL VETERINARIO CON TEMPESTIVITA’; una volta che il primo cucciolo è nato, gli altri saranno espulsi ad intervalli non regolari, tavolta distanziati anche da ore, ma in ogni caso possibilmente tutti entro le 8-12 ore: SE QUESTO NON SI DOVESSE VERIFICARE, CONTATTARE IL VETERINARIO. Per facilitare l’espulsione dei cuccioli ed abbreviare perciò la durata del parto è possibile utilizzare dei farmaci che è bene farsi prescrivere con anticipo rispetto al loro eventuale utilizzo. Al momento del parto sarebbe opportuno poter disporre di un paio di forbici (sterilizzate in alcool o su fiamma) e di compresse di garza pulite per estrarre, liberare e pulire i cuccioli che avessero difficoltà ad essere espulsi dalla cagna: in questo caso, e solo in questo caso, afferrare saldamente il cucciolo e, in attesa dell’intervento del veterinario, tirare in sincronia con il premito espulsivo della cagna. I cuccioli devono essere prontamente liberati dalla placenta per evitare loro il soffocamento ed annegare nel liquido amniotico: la cagna normalmente, una volta partorito il cucciolo, lo lecca immediatamente per pulirlo e liberarlo dalla placenta che viene poi deglutita.

E’ molto importante che la madre possa mangiare la placenta!!.

 Se invece il parto si svolge regolarmente, rimanere sempre in disparte per osservare da lontano cosa succede e se la cagna dovesse avere bisogno di aiuto: non stressare la cagna con la nostra presenza, altrimenti lei, attratta da noi si distrae dal suo compito venendosi a creare questa volta un vero e proprio “conflitto di interesse”.

 

 

 

 


 
 Medico Veterinario Dr. Maurizio Spremolla - Viale Duca della Vittoria, 164 Rufina (FI) - P.IVA 03583650480 - Privacy - Note legali
Powered by Logos Engineering - Lexun ® - 19/10/2019